Certificato penale a tutela dei minori, obbligatorio anche nel volontariato | Informazioni TuttoVisure.it Certificato penale a tutela dei minori, obbligatorio anche nel volontariato - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Certificato penale a tutela dei minori, obbligatorio anche nel volontariato

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 Voti, media voti: 5,00 su 5)
Loading...

Certificato penale a tutela dei minori, obbligatorio anche nel volontariato
maggio 05
14:42 2014

Datori di lavoro pubblici e privati, ma anche enti ed associazioni che svolgono attività di volontariato chiamati in causa dal certificato penale per i minori.

Cosa prevede il provvedimento sul certificato penale per i minori

Il certificato penale del casellario giudiziale va richiesto obbligatoriamente da tutti i datori di lavoro pubblici e privati agli assunti dal 6 aprile scorso (previa loro consenso) che entrino in contatto regolare e continuativo con dei minori. La disposizione è finalizzata a verificare l’eventuale presenza di condanne per reati quali prostituzione minorile (articolo 600-bis del codice penale), pornografia minorile (articolo 600-ter), detenzione di materiale pornografico (articolo 600-quater), iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile (articolo 600-quinquies), adescamento di minorenni (articolo 609-undecies), e quella di sanzioni interdittive all’esercizio di attività che prevedano contatti diretti e regolari con minori.

Chi deve richiedere il certificato penale del casellario giudiziale per i minori

Ad essere coinvolti nell’obbligo non sono solo coloro che assumono per attività professionali, ma anche gli enti e le associazioni che svolgono volontariato in maniera organizzata e non occasionale, e che per far ciò stipulano contratti di lavoro subordinato o parasubordinato. Se tali enti usufruiscono dell’opera di volontari veri e propri, dunque, l’obbligo della richiesta del certificato non sussiste.
Sono tenuti a richiedere il documento anche i datori che impiegano un collaboratore a progetto, un associato in partecipazione o un titolare di partita Iva. E ancora, coinvolte nella disposizione sono anche le associazioni culturali organizzatrici di corsi a cui possono iscriversi i minorenni, e tutte le professioni o attività quali l’insegnante, l’allenatore, l’operatore scolastico, il pediatra, l’autista di scuolabus, l’educatore, l’addetto alla mensa scolastica.

Simona Di Michele

Fonti Il Sole 24 Ore

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: