Esonero Imu e Tasi 2016, le nuove regole sull’acconto | Informazioni TuttoVisure.it Esonero Imu e Tasi 2016, le nuove regole sull'acconto - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Esonero Imu e Tasi 2016, le nuove regole sull’acconto

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 Voti, media voti: 5,00 su 5)
Loading...

Esonero Imu e Tasi 2016, le nuove regole sull’acconto
giugno 06
16:13 2016

Entro il 16 giugno si torna alla cassa per pagare Imu e Tasi 2016. Le regole, però, sono cambiate. Cosa bisogna sapere su esonero e aliquote.

Acconto Imu e Tasi 2016, cosa cambia

Possessori e detentori di immobili hanno tempo fino al 16 giugno per saldare l’acconto di Imu e Tasi, pari alla metà dell’importo dovuto su base annua. Qualcosa, però, è cambiato.
Con la legge di stabilità 2016, infatti, saranno esonerati dal versamento i possessori ed i detentori dell’abitazione principale non solo per l’Imu, ma anche per la Tasi, a meno che gli immobili coinvolti non siano classificati come categorie di lusso (ovvero A1, A8 ed A9).
I Comuni, inoltre, per quest’anno non potranno aumentare le aliquote. Se nel 2015 avevano applicato l’aliquota maggiorata dello 0.8 per mille, è necessario che emanino apposita delibera per mantenerla anche nel 2016. Tuttavia, se l’anno scorso tale percentuale era applicata alle case principali, quest’anno i Comuni non potranno riproporla, perché attualmente riguarderebbe immobili esenti per decreto sia da Imu che da Tasi.
Tra le altre novità relative al pagamento di Imu e Tasi 2016, vanno ricordate la riduzione del 50% della base imponibile in caso di abitazione concessa in comodato d’uso ad un parente di primo grado, e quella del 25% dell’imposta in caso di immobili affittati a canone concordato.
Per la sola Imu, infine, l’esonero riguarderà anche i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali (a prescindere dall’area in cui sono localizzati), quelli ubicati presso le isole minori, ed i terreni a proprietà collettiva indivisibile.

Calcolo ed aliquote Imu e Tasi 2016

Le aliquote per l’acconto Imu e Tasi 2016 sono già definite, poiché secondo la legge di stabilità 2016 i Comuni non potevano far altro che abbassarle, ed hanno avuto tempo per deliberarle fino allo scorso 30 aprile.
Anche il calcolo della base imponibile è già regolarizzato, visto che la procedura è la stessa dello scorso anno. La base imponibile rimane infatti la rendita catastale iscritta all’1 gennaio, rivalutata del 5% e moltiplicata per aliquote, detrazioni e coefficienti relativi alle specifiche categorie catastali, e deliberati nel 2015. Il saldo di Imu e Tasi 2016, invece, andrà calcolato sulla base di quanto deciso dai Comuni entro quest’anno.
Sia per l’Imu che per la Tasi vanno prese in considerazione quote e mesi di possesso, considerando che il possesso protratto per almeno quindici giorni rappresenta un intero mese. Infine, gli immobili soggetti a Tasi prevedono da parte dei detentori il pagamento di una quota che, a discrezione del Comune, può oscillare tra il 10 ed il 30%.

Versamento acconto Imu e Tasi 2016

Per saldare l’acconto di Imu e Tasi 2016 è possibile utilizzare il modello F24 o il bollettino postale. Rimane valida l’alternativa di versare tutto l’importo annuale in unica soluzione entro il prossimo 16 giugno.

Fonti Il Sole 24 Ore

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: