Industria, produzione in calo del 25% | Informazioni TuttoVisure.it Industria, produzione in calo del 25% - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Industria, produzione in calo del 25%

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars Hai trovato interessante questo articolo? Dai il tuo Voto
Loading...

Industria, produzione in calo del 25%
febbraio 03
10:17 2014

Indice di produzione industriale in picchiata del 25%. Complice la crisi, dal 2008 l’Italia ha perso 20 punti di fatturato nazionale.

L’Italia è in piena desertificazione industriale. La recessione e la mancanza di una politica industriale organica stanno modificando il volto della produzione. Come sottolineato dal centro studi di Confindustria, “la politica industriale”, nel nostro paese, “è ancora assente”. A mancare, secondo quanto conferma il centro studi, sono “piani strategici, di medio-lungo periodo, che passano anche attraverso l’individuazione selettiva di aree di intervento ritenute chiave per la crescita”.

Manifattura prima vittima della crisi industriale

La manifattura, settore strategico e identitario per l’Italia, è anche uno di quelli più a rischio. Se, secondo un’analisi condotta da Mediobanca, nel 2003 l’indice di fatturato era pari a 100, e nel 2008 aveva raggiunto i 130.4 punti, negli anni a seguire si è registrato un tracollo netto, che è passato dai 122.8 punti del 2012, alla previsione di 118.2 punti per il 2013. E il crollo c’è stato sia per i grandi gruppi (118.1 punti nel 2012), sia per le imprese medio-grandi (123.3 punti nel 2012). Secondo quanto riportato da Mediobanca, le imprese italiane hanno preferito conservare le loro attività, e dunque i ricavi, anche a scapito della redditività.

Gli effetti della crisi industriale

L’industria rappresenta un quinto del valore aggiunto nazionale, in particolare l’80% dell’export. Ma, mentre sui mercati esteri la presenza italiana si fa sentire, la produzione interna al paese rischia grosso, il che crea una dicotomia che, a lungo termine, si farà sempre più insostenibile. Un dato di fatto che si registra dal 2012, quando l’indice del fatturato nazionale ha raggiunto i 95 punti, mentre quello estero superava i 110. Il problema, insomma, è strutturale. E lo si vede ancora una volta a confronto con l’Europa. Secondo un’analisi del Ceris-Cnr su dati Eurostat, quando nel 2008 l’Italia era a 119 di fatturato nazionale, la Germania e la Francia erano rispettivamente a 118 e a 108. La situazione, adesso, si è ribaltata, portando i due concorrenti europei intorno a quota 110, mentre il nostro paese è rimasto inchiodato sui 90 punti. Come se non bastasse, secondo le previsioni di Nomisma, la spada di Damocle è la perdita di un quinto della produttività italiana che, determinata dalla recente recessione, rischia di trasformarsi in un vero e proprio fenomeno strutturale.

Uno sguardo all’estero

A fare la differenza, nel confronto con l’estero, sono anche e soprattutto le politiche industriali adottate. Se, come ha sottolineato Confindustria, in Germania sono presenti da anni enti pubblici votati a facilitare la diffusione e la commercializzazione delle innovazioni, sostenuti da un recente finanziamento che ha permesso la nascita di quindici distretti tecnologici, in Francia si prevedono ventiquattro piani industriali nel settore manifatturiero, e si è garantiti dalla banca pubblica degli investimenti.
Sono poi i grandi gruppi a tenere testa nel mondo industriale, orientando le scelte, trattenendo le quote maggiori di valore aggiunto, e selezionando la fornitura. Ma i nomi importanti in Italia (Telecom, Finmeccanica o Ilva, solo per citarne alcuni), privati di una policy organica e duratura, sembrano ormai appesi ad un destino incerto, e rischiano di segnare la fine del paradigma della grande impresa italiana.

Simona Di Michele

Fonti Il Sole 24 Ore

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: