Riforma del catasto, ai proprietari la facoltà di trasmettere i dati dell’immobile | Informazioni TuttoVisure.it Riforma del catasto, ai proprietari la facoltà di trasmettere i dati dell’immobile - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Riforma del catasto, ai proprietari la facoltà di trasmettere i dati dell’immobile

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 Voti, media voti: 4,67 su 5)
Loading...

Riforma del catasto, ai proprietari la facoltà di trasmettere i dati dell’immobile
febbraio 06
17:53 2015

In attesa del consiglio dei ministri che deve pronunciarsi sulla riforma del catasto a fine mese, qualche indiscrezione sul decreto sui criteri estimativi.

Catasto, cosa prevede il decreto delega

Secondo quanto rende noto Il Sole 24 Ore sulla bozza del decreto delega sui criteri estimativi, ed aspettando conclusioni più concrete sulla riforma del catasto, pare che si possa già contare su alcune disposizioni in tema di immobili.
In primis, i proprietari potranno inviare per via telematica alle entrate i dati del proprio immobile. Ma novità coinvolgeranno anche le rendite catastali, ridotte del 30% per le unità ordinarie e del 20% per quelle speciali, mentre la definizione delle superfici per le case prive di planimetria richiederanno l’intervento di tecnici professionisti che le calcoleranno a tavolino.

Calcolo rendita catastale unità ordinarie, cosa si prevede

Per raccogliere i dati utili al calcolo delle stime per le rendite catastali di tutti quegli immobili a destinazione ordinaria (ovvero case, negozi, uffici), il decreto delega fa presagire l’intervento degli enti locali. I comuni, coadiuvati laddove sia necessario da tecnici professionisti, dovrebbero prendere in esame non solo la superficie catastale ma anche caratteristiche quali la posizione commerciale e l’accessibilità carrabile, o il tipo edilizio e l’affaccio, a seconda che si tratti di negozi o case.

Valore fiscale delle unità speciali o di quelle senza planimetria

In questi due casi, il valore della rendita catastale potrebbe essere determinato, per le unità speciali, dalle valutazioni del tecnico che considererà sia il valore di mercato che il costo o il reddito degli immobili strumentali.
Qualora gli immobili siano privi di planimetria, invece, la superficie catastale verrà determinata in modo convenzionale moltiplicando il numero dei vani per un coefficiente diverso a seconda della categoria immobiliare d’appartenenza.

Trasmissione online dei dati immobiliari

Ai proprietari dovrebbe spettare il diritto di inviare telematicamente al catasto e ai comuni le informazioni immobiliari delle proprietà, tramite una documentazione creata ad hoc dalle entrate stesse. Queste ultime, del resto, potrebbero avere facoltà di sottoporre dei questionari via internet sia ai proprietari che agli amministratori di condominio.

Riduzione rendite catastali

Una delle notizie più importanti che trapela è quella relativa all’abbassamento delle rendite catastali del 30% (per le unità ordinarie) e del 20% (per le unità speciali). Tale misura dovrebbe mirare ad impedire un dislivello troppo alto – e a discapito dei proprietari – tra i valori fiscali effettivi degli immobili e quelli di mercato.

Ultime News: 
Riforma del catasto, quale sarà il metodo di calcolo della nuova rendita catastale (16/02/2015)

Fonti Il Sole 24 Ore

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: