Scadenza acconto Imu e Tasi 2015, ecco le aliquote | Informazioni TuttoVisure.it Scadenza acconto Imu e Tasi 2015, ecco le aliquote - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Scadenza acconto Imu e Tasi 2015, ecco le aliquote

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 Voti, media voti: 5,00 su 5)
Loading...

Scadenza acconto Imu e Tasi 2015, ecco le aliquote
giugno 16
16:11 2015

Scade oggi il termine per versare l’acconto Tasi e Imu 2015. Ecco una mini guida sulle nuove aliquote 2015 per capire quanto si pagherà sulla casa.

Imu e Tasi 2015, come verificare le aliquote comunali

Oggi i contribuenti italiani sono chiamati a versare la prima tranche di Imu e Tasi 2015. Per capire quanto si paga d’acconto per le tasse immobiliari 2015, il passo iniziale è quello di verificare se il proprio comune di residenza ha deliberato nuove aliquote e detrazioni, o se i riferimenti rimangono quelli del 2014. Il controllo è molto semplice. Basta consultare le delibere comunali pubblicate sul sito delle finanze.

Aliquote Imu e Tasi 2015

Qualche stima sui comuni che hanno variato le aliquote 2015 per Imu e Tasi si può già fare. Bologna, ad esempio, ha deliberato nuove aliquote per la Tasi 2015, che è salita dal 3.3 al 4.3 per mille. Napoli, invece, mantiene l’aliquota Imu al 10.6 per mille su seconde case e altri immobili, e l’aliquota Tasi prima casa al 3.3 per mille con detrazione annuale di 150 euro per le case con rendita catastale fino a 300 euro, e detrazione annuale di 100 euro per quelle con rendita catastale oltre i 300 euro. Anche Genova non ha variato i riferimenti d’aliquota. Quella Imu è sempre allo 0.96% su tutti gli immobili, e quella Tasi sulle prime case permane al 3.3 per mille. A Roma e a Milano, le aliquote Tasi sono congelate al 2014 per le prime case (2.5 per mille) e per i fabbricati rurali (1 per mille). Nel capoluogo lombardo, poi, sull’Imu 2015 vige un’aliquota base del 10.6 per mille.
In generale, se il proprio comune di residenza non varia le aliquote e le eventuali detrazioni, entro oggi si deve versare il 50% dell’importo complessivo versato nel 2014. Al contrario, se il comune ha apportato delle modifiche, il contribuente può decidere se pagare subito in base ai nuovi importi o se versare l’acconto con le aliquote 2014 e poi saldare il resto entro il 16 dicembre prossimo.

Calcolo e codici tributo per acconto Imu e Tasi 2015

Per il calcolo dell’acconto Imu e Tasi 2015, si deve partire dalla rendita catastale, rivalutata del 5%, e moltiplicare il risultato per i coefficienti catastali degli immobili. A questo valore vanno infine applicate le aliquote Imu e Tasi del proprio comune, sottraendo le eventuali detrazioni.
In fase di pagamento, e dunque di compilazione dell’F24, è necessario poi conoscere i relativi codici tributo. Per la Tasi, tali codici sono il 3958 (prima casa e pertinenze), il 3959 (fabbricati rurali strumentali), il 3960 (aree fabbricabili) e il 3961 (altri fabbricati). Per l’Imu, invece, i riferimenti sono il 3912 (prima casa e pertinenze), il 3914 (terreni), il 3916 (aree fabbricabili), il 3918 (altri fabbricati), il 3925 (immobili ad uso produttivo allo stato) e il 3930 (immobili a uso produttivo al comune).

Sanzioni per chi paga Imu e Tasi 2015 in ritardo

Se non si paga o si ritarda il versamento di Imu e Tasi sforando il termine del 16 giugno, è possibile rimediare con l’applicazione di un 30% in più, oppure optare per il ravvedimento.
Nello specifico, la procedura del ravvedimento prevede la possibilità di versare l’imposta entro quattordici giorni dalla scadenza (con una sanzione dello 0.2% giornaliero del valore dell’imposta e gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale, che per quest’anno è dello 0.5%), oppure dal quindicesimo al trentesimo giorno di ritardo (con una sanzione del 3% dell’importo e gli interessi giornalieri), o ancora dopo il trentesimo giorno di ritardo fino al novantesimo (pagando una multa del 3.33% dell’importo più gli interessi giornalieri), o infine dopo il novantesimo giorno di ritardo ed entro i termini di presentazione della dichiarazione relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione (con una sanzione fissa del 3.75% dell’importo più gli interessi giornalieri).

Fonti Blasting News, Business Online, La Stampa

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: