Nuove norme per affitti, rogiti e condominio | Informazioni TuttoVisure.it Nuove norme per affitti, rogiti e condominio - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Nuove norme per affitti, rogiti e condominio

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 Voti, media voti: 5,00 su 5)
Loading...

Nuove norme per affitti, rogiti e condominio
gennaio 07
11:15 2014

Al vaglio Nuove regole per la Casa

Il 2014 si apre con sei leggi che cambieranno, per lo più correggendole, le regole per affitti, compravendite e condomini. Dal divieto ad utilizzare contanti per il pagamento del canone di locazione e dall’obbligo per negozi, capannoni e uffici di usare assegni e bonifici dai 1.000 euro in su si passa alla possibilità, in caso di trasgressione, di applicare sanzioni per un valore che può oscillare dall’1 al 40% dell’importo trasferito. Le nuove norme, tuttavia, non sono del tutto lineari. Un esempio è dato dalla questione Ape, ovvero l’attestato di prestazione energetica. Nel caso di affitto non è più obbligatorio allegare tale documento ai nuovi contratti di locazione di singole unità immobiliari. Rimane però l’obbligo, per l’inquilino, di dichiarare nel contratto “di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell’attestato, in ordine alla attestazione della prestazione energetica degli edifici”. Se manca tale clausola, nonostante il contratto sia da considerare comunque valido, si rischia una multa da mille a 4mila euro.

Affitti: contante, Ape e registro dell’anagrafe

Dall’1 gennaio l’affitto di abitazioni, comprese quelle turistiche, transitorie e a studenti universitari, non si può più pagare in contanti ma tramite assegni, bonifici o altri mezzi tracciabili. Sempre in tema di affitti, i nuovi contratti per unità immobiliari – abitative e non – stipulati dal 24 dicembre scorso non prevedono più l’obbligo di allegare l’attestato di prestazione energetica (Ape), anche se è ancora necessario dotarne l’immobile e inserire nell’atto una specifica clausola. In caso contrario, il rischio è una sanzione da 1.000 a 4mila euro (dimezzata per locazioni inferiori a tre anni). Permane invece l’obbligo di allegare l’attestato per la locazione di interi edifici. Sempre dal 24 dicembre, è stata eliminata anche la nullità per le compravendite prive di Ape, mentre resta la sanzione da 3mila a 18mila euro. Per combattere gli affitti in nero, infine, i comuni possono prendere visione dei nominativi degli inquilini nel registro dell’anagrafe condominiale. A tal proposito, i proprietari dovranno comunicare le variazioni all’amministratore entro 60 giorni.

Imposta di registro

Ridotte a due dall’1 gennaio, le nuove aliquote dell’imposta di registro sui trasferimenti immobiliari saranno solo quelle del 9% (di base) e del 2% (per la prima casa), con l’eliminazione delle agevolazioni. Dall’inizio del 2014 si è inoltre passati da 168 a 200 euro per l’importo, se dovuto in somma fissa, delle imposte di registro e ipocatastali. Ancora in attesa di provvedimenti attuativi è invece la norma secondo cui, al momento del rogito, l’acquirente dovrà pagare il prezzo al notaio, e al venditore la somma sarà versata solo dopo la trascrizione nei registri immobiliari.

Riforma del condominio

Entrato in vigore sei mesi fa, il pacchetto viene rinnovato su tre materie: il fondo lavori, le maggioranze per il risparmio energetico, e le sanzioni per chi viola il regolamento.
Sul fondo lavori permane l’obbligo di costituire un fondo prima di avviare i lavori in condominio, ma i proprietari, non più costretti a pagare tutto in anticipo, possono rateizzare in base allo stato di avanzamento dei lavori. In merito al risparmio energetico, per avviare lavori come un cambio caldaia o la coibentazione del sottotetto in un condominio, sarà sufficiente che in seconda convocazione sia d’accordo la maggioranza degli intervenuti all’assemblea e un terzo dei millesimi, a condizione che gli interventi siano documentati da una diagnosi energetica o, in seguito, da un attestato di prestazione energetica. Le sanzioni per le violazioni al regolamento condominiale (da 200 a 800 euro in caso di recidiva) saranno infine decise non più dall’amministratore ma dall’assemblea con la metà più uno degli intervenuti, e almeno 501 millesimi, sia in prima che in seconda convocazione.

Lavori in casa ed ecobonus

Secondo le nuove norme, la detrazione Irpef del 50% su una spesa massima di 96mila euro per le ristrutturazioni edilizie verrà prorogata fino al 31 dicembre 2014. Dal 2015, la detrazione scenderà al 40%, mentre dal 2016 si tornerà al 36% su una spesa massima di 48mila euro. Prolungata per tutto il 2014 anche la detrazione del 50% sulle spese fino a 10mila euro per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici in classe A+.
In relazione agli ecobonus, sono stati concessi altri 12 mesi di tempo per i lavori agevolati di risparmio energetico. Fino al 31 dicembre del 2014, e al 30 giugno 2015 in condominio, si potrà così intervenire su riscaldamento, isolamento termico, infissi, pannelli solari termici. Se si raggiungono i valori di isolamento fissati per legge, si potrà inoltre ottenere la detrazione del 65% delle spese (con tetti variabili) divisa in dieci anni.

Simona Di Michele

Fonti Il Sole 24 Ore

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: