Busta Paga, l’esecutivo Renzi conferma un taglio di 6.7 miliardi al costo del lavoro | Informazioni TuttoVisure.it Busta Paga, l’esecutivo Renzi conferma un taglio di 6.7 miliardi al costo del lavoro - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Busta Paga, l’esecutivo Renzi conferma un taglio di 6.7 miliardi al costo del lavoro

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 Voti, media voti: 5,00 su 5)
Loading...

Busta Paga, l’esecutivo Renzi conferma un taglio di 6.7 miliardi al costo del lavoro
aprile 09
15:47 2014

Il Def approvato ieri dal consiglio dei ministri traccia il piano di lavoro per i prossimi due anni. Entro il 2014, il cuneo fiscale si riduce di 6.7 miliardi.

I dati del Def sul cuneo fiscale

Il documento di economia e finanza approvato ieri in consiglio dei ministri disegna gli impegni dell’esecutivo Renzi. In merito al cuneo fiscale è confermato il taglio di 6.7 miliardi per gli ultimi mesi del 2014, che salirà a 10 miliardi ogni anno a partire dal 2015. Le coperture verranno garantite, per quest’anno, dai tagli alla spesa per 4.5 miliardi, a cui vanno aggiunti ulteriori 2.2 miliardi di Iva che risulteranno disponibili, entro ottobre, dal pagamento di 13 miliardi di debiti della pubblica amministrazione verso le imprese, e l’aumento dell’imposta sostitutiva a carico delle banche il quale, dall’attuale 12%, potrebbe salire fino al 24-26%.

Pareggio di bilancio entro il 2016

Sul pareggio di bilancio, il ministro dell’economia Padoan ha ribadito l’impegno a centrarlo nel 2016, tenendo fede in tal modo ai regolamenti europei.

Debito pubblico

La regola del debito, nel 2014 e nel 2015, verrà rispettata grazie allo sviluppo del piano di rientro per il 2015-2016, e all’attivazione di un piano di privatizzazioni per circa lo 0.7% del pil nel 2014-2017 (misura che porterà a circa 10-12 miliardi per quest’anno).

visure per aziende e professionisti
Visure online in 10 minuti

Questione pil e disoccupazione

Il prodotto interno lordo 2014 crescerà, secondo quanto definito dai documenti approvati ieri, dello 0.8% (in ribasso rispetto all’1.1% ipotizzato dall’esecutivo Letta) per salire poi dell’1.3% nel 2015, dell’1.6% nel 2016, dell’1.8% nel 2017, e dell’1.9% nel 2018. Per quanto riguarda il tasso di disoccupazione, il valore dovrebbe scendere dal 12.8% di quest’anno al 12.5% nel 2015 ed al 12.2% nel 2016.

Simona Di Michele

Fonti Il Sole 24 Ore

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: