Inps, conti in rosso prima del previsto | Informazioni TuttoVisure.it Inps, conti in rosso prima del previsto - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Inps, conti in rosso prima del previsto

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 Voti, media voti: 5,00 su 5)
Loading...

Inps, conti in rosso prima del previsto
febbraio 05
10:12 2014

Bilancio di previsione dell’Inps in negativo. L’ente prevede che, dai 7.5 miliardi di fine 2013, si scenderà a -4.5 miliardi al termine del 2014.

Sono 12 i miliardi stimati in perdita dall’ente pensionistico italiano (Inps) per il 2014. Un bilancio di previsione negativo che tuttavia non tiene conto dei 25.2 miliardi di anticipazioni concesse dallo stato, come previsto dalla legge di stabilità, per eliminare la precedente passività patrimoniale dell’ex Inpdap. Con tale liquidità, si passerebbe nel 2014 dal disavanzo di 12 miliardi all’avanzo di 13.2 miliardi, permettendo una risalita del patrimonio netto fino ai 20.7 miliardi.

I numeri delle perdite Inps

Il disavanzo raggiunge i 5.4 miliardi per gli agricoltori, i 5.9 miliardi per gli artigiani, i 3.8 miliardi per i dirigenti d’azienda. Ancora, i fondi trasporti e telefonici non riescono a sanare da anni il buco di un miliardo ciascuno, mentre il fondo elettrici ha chiuso il 2013 con perdite per 1.9 miliardi. L’istituto, del resto, non è nuovo al rosso dei suoi conti, visto che già nel 2012 e nel 2013 ha subito perdite per oltre 9 miliardi.
I numeri parlano forte e chiaro di una situazione che, purtroppo, non può definirsi neanche più episodica e che, al contrario, rischia di cronicizzarsi.

Inps, le cause del disavanzo

A determinare il rosso dei conti Inps, principalmente, è stato l’assorbimento, a inizio 2012, dell’ex Inpdap, ovvero l’ente dei dipendenti pubblici. Quest’ultimo, da solo, ha fatto perdere all’Inps, nel 2013, circa 8.85 miliardi, determinando un deficit patrimoniale di 26 miliardi.

Ma non è solo la gestione previdenziale dei dipendenti pubblici ad aver registrato simili perdite. Professionisti, co.co.co., partite iva si ritrovano a versare contributi ma non a ricevere le meritate uscite pensionistiche (si salvano solo i parasubordinati), mentre gli 8.5 miliardi destinati ai giovani non riescono a non rimanere contaminati dalle mancanze che si registrano nelle altre gestioni.

Visura Cattivo Pagatori
Estratto Conto Equitalia

A pesare sui conti Inps, oltre alla crisi che intacca i contributi, sono poi l’aumento costante delle nuove pensioni, e il calcolo retributivo, che fa permanere (e lo farà ancora per anni), un differenziale enorme tra contributi effettivamente versati e pensioni pari al 70-80% degli ultimi stipendi.

Ancor più grave, il crescente squilibrio tra le entrate e le uscite dell’ente, sia per le pensioni che per l’assistenza. Una situazione a cui dovranno provvedere le finanze pubbliche, e dunque a caro prezzo per i contribuenti. Già nel 2013 i trasferimenti dello stato all’Inps hanno toccato quota 112.5 miliardi, mentre per il 2014 le stime parlano di 119 miliardi, che saliranno a 122 miliardi a fine 2016.

Simona Di Michele

Fonti Il Sole 24 Ore

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: