Recupero crediti Unirec, 49 miliardi non pagati nel 2013 | Informazioni TuttoVisure.it Recupero crediti Unirec, 49 miliardi non pagati nel 2013 - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Recupero crediti Unirec, 49 miliardi non pagati nel 2013

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 Voti, media voti: 5,00 su 5)
Loading...

Recupero crediti Unirec, 49 miliardi non pagati nel 2013
maggio 23
09:33 2014

Poco meno di 50 miliardi. E’ l’ammontare dei debiti degli italiani tra rate e bollette non pagate nel 2013. Il rapporto Unirec sul recupero crediti.

Il debito in numeri

Unirec, l’unione nazionale delle imprese a tutela del credito, ha presentato a Roma lo scorso 16 maggio il rapporto annuale sul suo operato. Ed il quadro che è emerso non è tra i più rosei.
Sono stati 48.6 i miliardi che, l’anno scorso, non sono stati pagati dagli italiani. Una quota, triplicatasi rispetto al 2007, che rappresenta il 13% in più rispetto al 2012. E tra i 39 milioni di pratiche aperte (pari a 154mila per ogni giorno lavorativo), recuperare le somme dovute è diventata un’operazione sempre più difficile.

I debiti di famiglie e imprese

Risulta infatti sempre più ostico per famiglie ed imprese saldare i propri insoluti. Le prime, coinvolte in quasi nove pratiche su dieci, devono più dell’80% degli importi, per un debito medio pari a 1.196 euro. Le seconde gravano sui procedimenti aperti per il 14%, e sugli importi per il 18%, con un debito medio di 1.568 euro.


A cosa si riferiscono i debiti

Il 60% delle pratiche, per un valore di 29.1 miliardi, è relativo a debiti per l’acquisto di beni di largo consumo, mutui, scoperti di conti bancari, carte di credito e canoni di leasing. Non mancano gli insoluti sulle utenze quali luce, acqua, gas e telefono, che in un solo anno hanno raggiunto il 37% del numero totale.

Visura Cattivo Pagatori
Estratto Conto Equitalia

Il recupero delle somme dovute

Sempre più difficile è poi l’operazione di recupero delle somme dovute. Nel 2013 si sono trovati solo 9.5 miliardi (19.6% del totale) con minori incassi rispetto al 2012 per circa un miliardo.
Da questo punto di vista, la regione che ha ottenuto esito positivo delle pratiche pari solo al 37% è stata la Calabria, seguita dalla Campania con il 38%. Nel Friuli si sono invece potute recuperare circa metà delle pratiche aperte, in una classifica che annovera tra le più virtuose anche Trentino, Lazio, Marche, Molise e Sardegna. Per i debiti scaduti e poi saldati il primo posto va alla Valle d’Aosta, con un tasso di successo del 40%, seguita dal Lazio con il 26%. L’ultima in classifica è la Campania, con appena il 16%.

Il futuro

Secondo l’Unirec, neanche quest’anno possiamo aspettarci un miglioramento. Anzi, in base alle elaborazioni dell’unione, per il 2014 i debiti dovrebbero superare quota 50 miliardi, con pratiche da gestire che dovrebbero aumentare del 7-8% ed un tasso di recupero in ulteriore calo dell’1%.


L’iniziativa

La presentazione del rapporto Unirec a Roma è stata l’occasione per divulgare anche la notizia della creazione del Forum Unirec Consumatori, che unisce Adiconsum, Cittadinanzattiva, Federconsumatori, Movimento Consumatori e Movimento Difesa del Cittadino per rafforzare il ruolo delle associazioni come intermediari e selezionatori tra debitori più o meno onesti.
Il Forum, che intende agevolare la comunicazione tra le associazioni, permettendo l’individuazione di soluzioni efficaci, rapide, e a tutela dell’utente finale, sarà anche promotore di iniziative che permetteranno di monitorare il rapporto tra consumatori e servizi di gestione e recupero crediti. L’intermediazione passerà anche attraverso l’informazione per gli utenti sul recupero crediti e l’indebitamento, e l’attivazione di strumenti per la conciliazione tra consumatori ed aziende di gestione e recupero crediti in caso di contenzioso.

Simona Di Michele

Fonti Il Sole 24 Ore, Help Consumatori, Unirec

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: