Rendite finanziarie, l’aliquota aumenta al 26% | Informazioni TuttoVisure.it Rendite finanziarie, l’aliquota aumenta al 26% - Informazioni TuttoVisure.it

Informazioni TuttoVisure.it

Notizie

 Breaking News

Rendite finanziarie, l’aliquota aumenta al 26%

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 Voti, media voti: 5,00 su 5)
Loading...

Rendite finanziarie, l’aliquota aumenta al 26%
luglio 01
07:22 2014

Scatta da oggi l’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie. Il passaggio dal 20% al 26% dell’aliquota sarà utile per finanziare il decreto Irpef.

Arriva l’aumento dell’aliquota sulle rendite finanziarie

Scatta da oggi, 1 luglio 2014, l’aumento della tassazione sugli investimenti finanziari. La nuova aliquota al 26% (contro il precedente 20%) contribuirà a coprire i costi del decreto Irpef, e dunque del bonus di 80 euro previsto nelle buste paga dei lavoratori dipendenti con reddito inferiore ai 26mila euro.

Chi deve pagare il 26% delle rendite finanziarie

La nuova tassazione, che scatta in automatico, coinvolge i redditi da capitale (dividendi, cedole e interessi di conti correnti, depositi bancari e postali) e quelli derivanti da obbligazioni, titoli simili e cambiali finanziarie, maturati dall’1 luglio 2014, ed indipendentemente dalla data di emissione dei titoli.
Passaggio automatico anche per il risparmio gestito (fondi comuni, gestioni patrimoniali), con il calcolo della parte di guadagni maturata con la vecchia aliquota e quella maturata dopo l’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie affidato direttamente al gestore.
L’aumento non coinvolge i risparmiatori che hanno investito in titoli pubblici, per i quali l’aliquota si conferma al 12.5%.

visure per aziende e professionisti
Visure online in 10 minuti

Possibilità di affrancare

Entro il 30 settembre di quest’anno sarà possibile affrancare i capital gain maturati (ovvero la differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto di uno strumento finanziario) sugli strumenti finanziari detenuti su un certo conto titoli al 30 giugno 2014 (esclusi quelli di risparmio gestito). In pratica, il contribuente potrà evitare di vendere i titoli ed usufruire ancora dell’aliquota al 20% pagando un’imposta sostitutiva sulla plusvalenza per le rendite finanziarie maturate fino al 30 giugno. Il pagamento dell’aliquota rincarata al 26% spetterà solo per le rendite successive a tale data.

Fonti Ansa, Repubblica

About Author

Simona Di Michele

Simona Di Michele

Articolista esperta di web marketing, Simona ha collaborato per anni per testate cartacee e riviste online, ricoprendo anche ruoli di ufficio stampa per politici, artisti, associazioni culturali. La sua mission: continuare a scrivere per fare informazione sul web.

Related Articles

Iscriviti alla Newsletter:

Inserisci la tua email: